Pelle d’inverno tra arrossamenti e geloni

Pelle d’inverno tra arrossamenti e geloni

Veri nemici della pelle del viso, delle mani e dei piedi nei mesi più freddi, arrossamenti e geloni dipendono da un disturbo a livello circolatorio. Approfondisci con il nostro articolo.

L'inverno porta con sé molti disagi: raffreddori e influenze mettono a letto ogni anno molte di noi. Anche la nostra pelle è sottoposta a un notevole stress per il clima rigido e va incontro ad alcuni fastidi: tra questi gli arrossamenti e i geloni, non solo antiestetici ma anche piuttosto dolorosi. Colpiscono soprattutto le mani e le parti più esposte al freddo, come i piedi e il viso.

Perché rossori e geloni?

I geloni, il cui nome corretto è eritema pernio, sono causati da problemi di scarsa circolazione sanguigna alle estremità che, con il freddo, l’umidità e il gelo, tendono a peggiorare. Alcune zone epidermiche si irritano visibilmente, assumono un colore rosso intenso o violaceo e risultano pruriginose. La pelle così infiammata tende a screpolarsi e le piccole lesioni generatesi possono infettarsi: la guarigione è lenta e crea molti fastidi. È quindi consigliabile cercare di prevenirne il più possibile la formazione, per proteggere e tutelare la pelle.

Non farti cogliere impreparata!

Proteggi accuratamente dal freddo umido e dal gelo le parti più esposte. Quando la temperatura scende sotto i 5° C non uscire senza tutti gli indumenti necessari: mai dimenticare guanti, sciarpe, cappelli e calze sufficientemente caldi. I piedi devono rimanere asciutti, quindi attenzione alla scelta delle scarpe invernali, soprattutto per chi ama passeggiare nella neve.

Evita di scaldare mani e piedi ghiacciati su stufe o termosifoni bollenti, appena rientrata dall'esterno: lo sbalzo termico così accentuato favorisce la comparsa di arrossamenti e la formazione dei geloni. Lascia invece che si riscaldino gradualmente e in modo naturale. E proteggi mani e piedi anche in casa, evitando di lasciarli umidi o bagnati. Per esempio puoi indossare i guanti anche quando stendi la biancheria all'esterno.

E per guarire tali fastidi…

Generalmente i geloni, quando caratterizzati da sola infiammazione, vengono trattati con creme lenitrici, idratanti o protettive. Se sono presenti anche lesioni e screpolature le stesse creme vengono alternate con pomate e lozioni specifiche.

Come regole generali, gli specialisti consigliano comunque di praticare una costante attività fisica al fine di migliorare la circolazione ed evitare l’insorgere di spiacevoli disturbi di questo tipo. Infine un'alimentazione corretta, come sempre, ricca di vitamina A (carote, spinaci e cavoli), vitamina C (agrumi e broccoli) e flavonoidi (more e frutti di bosco) contribuirà a prevenire arrossamenti, geloni e irritazioni.
 

Crema Rigenerante Mani 5% UreaL’epidermide delle mani e dei piedi risulta particolarmente delicata: rispetto al resto del corpo, queste parti sono sottoposte a un duro lavoro e, in particolare le mani, sono costantemente esposte. La loro epidermide, già particolarmente sottile, subisce di continuo stress e aggressioni: necessita insomma di maggior protezione e attenzione.

Eucerin riserva alle mani prodotti dalle formulazioni specifiche, in grado di prendersi cura delle pelli secche e sensibili, con arrossamenti, dermatiti e irritazioni provocate dal freddo. Crema Rigenerante Mani 5% Urea garantisce un’efficace protezione dagli agenti ambientali, curando secchezza, screpolature e rossore e contribuendo a rafforzare la naturale barriera lipidica protettiva. Con Urea, glicerina e Lattato, protegge le mani ruvide da ulteriori stress ambientali e garantisce un aumento duraturo dell’idratazione.

Per i piedi invece, Crema Rigenerante Piedi 10% Urea vanta una formulazione specifica per il trattamento idratante della pelle secca, ruvida e screpolata dei piedi anche in caso di diabete, dermatite atopica e psoriasi. Migliora l’idratazione e dona sollievo alle pelli irritate per le basse temperature.

Scopri Crema Rigenerante Mani 5% Urea e Crema Rigenerante Piedi 10% Urea; vieni inoltre a conoscere tutta la Linea Pelle Secca.
 

Perché è sconsigliato mettere a diretto contatto la parte colpita da geloni e rossore con una fonte di calore intenso? Perché ciò provocherebbe la repentina riapertura dei capillari più superficiali, non accompagnata in questo caso da quella dei vasi più profondi. L’esito è una sorta di effetto “a bottiglia” che comporta la fuoriuscita di fluidi plasmatici nei tessuti circostanti. Non solo la parte lesa apparirà tumefatta, ma si acuirà anche la sensazione di dolore.

Ai primi pruriti o arrossamenti, in primis di zone come mani e piedi, intervieni subito: puoi agire tempestivamente a casa, se non hai modo di recarti subito in farmacia. Immergi la parte interessata in acqua tiepida, dove hai precedentemente fatto bollire delle foglie di salvia (pianta dalle spiccate proprietà lenitive) o del sale grosso: sentirai immediato sollievo. Procedi poi con un lungo e corposo massaggio dal basso verso l’alto, per ottenere un effetto vasodilatatore.

  Stampa