Proteggi la pelle in autunno

Proteggi la pelle in autunno

L’autunno è la stagione più critica per la pelle: in questo periodo lo stress del rientro, l’incremento dell’inquinamento e le conseguenze della troppa esposizione al sole dei mesi estivi affaticano la pelle e aumentano la produzione di sebo.

 

Ah, l’autunno! Estremamente suggestivo per i suoi paesaggi e colori, si rivela tuttavia nemico della pelle, esposta ad alcuni disturbi più di ogni altro momento dell’anno.

Perché proprio l’autunno?

Settembre, Ottobre e Novembre sono i mesi meteorologicamente più instabili. I continui sbalzi di temperatura e l’umidità mettono a dura prova le difese naturali della pelle. Se poi ai capricci del tempo si aggiunge l’azione irritante dello smog tipico della vita cittadina, il gioco è fatto: le polveri inquinanti, mescolate con il sebo cutaneo, diventano le condizioni ideali per l’insorgere di arrossamenti cutanei, eczemi, dermatiti, psoriasi e couperose.

D’altro canto, la stagione autunnale è anche il momento dell’anno maggiormente a rischio brufoli: si intensifica la produzione di sebo che, alla lunga, provoca pelle grassa e impurità. I motivi: aumenta lo stress per il ritorno alle consuete, stressanti attività, cresce l’inquinamento e, soprattutto, si paga lo scotto della tintarella dell’estate. Perché è vero che il sole nell’immediato fa bene alla pelle, asciugandola e migliorandone il colorito, ma è altrettanto corretto che ispessisce l’epidermide, aumentando la cheratina in superficie e contribuendo a formare un “tappo” responsabile del peggioramento dell’acne.

Corri ai ripari!

Nonostante queste premesse, non c’è da preoccuparsi. Conoscere le cause aiuta a prevenire e scongiurare tali fastidi. Un primo passo consiste in una corretta igiene quotidiana. Si raccomanda, a proposito, di sincerarsi che l’acqua che si utilizza sia dolce e non dura: quest’ultima tende a disidratare la pelle. La pulizia del viso inoltre deve essere delicata e non aggressiva. In questo caso si rischia infatti di eliminare del tutto il sebo e lasciare la pelle indifesa, in balia degli agenti esterni. E non bisogna dimenticare che un’epidermide pulita deve essere idratata e nutrita abbondantemente con appositi prodotti.

Evitare di stare nelle immediate vicinanze di fonti di calore quali camini accesi, termoconvettori e caloriferi: non solo si subiscono sbalzi termici maggiori, ma il caldo può far dilatare troppo i vasi sanguigni del viso e provocare un vero e proprio eritema, del tutto simile a quello solare. La bellezza della pelle, poi, passa attraverso una dieta corretta che segua la stagionalità degli alimenti. Mangiare frutta e verdura di stagione assicura all’organismo le sostanze di cui si necessita in quel determinato periodo.

Linea Eucerin Pelle SensibilePer preparare la pelle all’autunno la pulizia e la detersione sono fondamentali. Ma è altrettanto importante idratare l’epidermide in profondità.

Per questo c’è la Linea Eucerin Pelle Sensibile, composta da prodotti specifici per dare alla pelle del viso idratazione e nutrimento prolungati nel tempo. Indicati per tutti i tipi di pelle, particolarmente per quelle sensibili, si assorbono facilmente e sono ideali come base per il trucco.

Scopri tutte le caratteristiche della Linea Eucerin Pelle Sensibile.

Con acqua dura si intende l’acqua che contiene molti sali minerali disciolti; all’opposto, un’acqua dolce ne è povera. Distinguerle è facile: se il sapone utilizzato produce immediatamente molta schiuma significa che si tratta di acqua dolce. Se al contrario la schiuma è scarsa e tarda a formarsi, vuol dire che dal nostro rubinetto scende un’acqua dura.

Questa distinzione è fondamentale per una buona pulizia del viso: un’acqua dura rischia di seccare eccessivamente l’epidermide ed esporre ulteriormente il viso agli agenti atmosferici ed inquinanti. In caso si disponga di acqua dura è bene utilizzare acqua in bottiglia per la pulizia del viso.

Un rimedio casalingo per detergere la pelle in profondità e riequilibrare la produzione di sebo è la maschera a vapore.

Dopo aver portato un litro d’acqua a ebollizione, posizionati sopra il recipiente a una distanza di 20, 25 cm coprendo il capo con un asciugamano. Se hai la pelle grassa, aggiungi all’acqua bollente alcune foglie di menta e la scorza di mezzo limone. Se hai la pelle secca, è sufficiente una bustina di camomilla. In caso di pelle normale o mista, invece, aggiungi un cucchiaio di lavanda.

  Stampa