Parliamo di: invecchiamento cutaneo

Parliamo di: invecchiamento cutaneo

L’invecchiamento cutaneo è causato da due fattori: i fattori endogeni e i fattori esogeni. Scopri come contrastarli e affrontare al meglio i cambiamenti della pelle.

Invecchiamento cutaneo endogeno:
Si definisce endogeno un processo dovuto a fattori provenienti dall’interno di un organismo, in questo caso significa che l’invecchiamento cutaneo endogeno è causato da fattori biologici e non da fattori esterni.
Questo processo ha origine dai cambiamenti che avvengono all’interno del corpo con il passare dell’età ed è un processo del tutto naturale; col tempo la produzione di estrogeni diminuisce, il rinnovamento cellulare rallenta e la pelle perde di elasticità e tono, questo porta la pelle a invecchiare.
Nel corso degli anni inoltre la capacità del corpo di produrre collagene diminuisce e l’epidermide perde di densità, assottigliandosi. Un altro fattore che condiziona l’invecchiamento cutaneo è la capacità delle cellule basali di proliferare che col tempo si riduce con il conseguente assottigliamento dell’epidermide e un calo della sua efficacia protettiva. A diminuire è anche la sintesi cutanea di vitamina D, che si abbassa fino al 75%.

Invecchiamento cutaneo esogeno:
Questo tipo di invecchiamento cutaneo è invece dovuto a fattori esterni. Stress, stanchezza, abitudini alimentari sbagliate, esposizione al sole e fumo influenzano moltissimo la condizione della pelle perché ne abbassano le difese immunitarie rendendo più difficile per il corpo contrastare i radicali liberi.
Tra queste l’esposizione al sole è forse la più dannosa per la pelledetta anche photoaging, in cui si include anche l’abbronzatura artificiale. Una prolungata esposizione al sole senza un’adeguata protezione porta a un precoce invecchiamento della pelle, il segno che distingue questo tipo di invecchiamento cutaneo è l’elastosi, una condizione degenerativa del derma. L’elastosi può essere causata anche da un’eccessiva esposizione ai raggi UVA. La cosa migliore in questo caso è una buona prevenzione, utilizzare un’efficace protezione solare prima di esporsi al sole è l’unica arma che abbiamo e, contrariamente a quanto molti pensano, l’utilizzo della protezione non previene l’abbronzatura, ma al contrario idratando e proteggendo la pelle i filtri solari permettono un’abbronzatura più sana e duratura.

Hyaluron-Filler Trattamento Giorno per pelli normali e miste riempie dall’interno anche le rughe più profonde proteggendo la pelle da raggi UVA/UVB.

Q10 Active crema antirughe da giorno. Questa ricca crema antirughe riduce la profondità delle rughe in 5 settimane e protegge dal precoce invecchiamento cutaneo.

 

 

Le cellule basali sono le cellule che separano l'epitelio dai tessuti sottostanti e hanno i caratteri delle cellule staminali, infatti si moltiplicano dando origine a nuove cellule.

Diverse ricerche si sono occupate dei danni provocati dal fumo alla pelle. Nel 1985 Douglas Model, un medico inglese, coniò il termine “smoker face” che sta ad indicare le particolari condizioni della pelle dei fumatori. È scientificamente provato che il 100% dei fumatori di lunga data presenta caratteristiche della pelle del viso molto diverse dai non fumatori. La “smoker face” è caratterizzata da zampe di gallina molto marcate, rughe perpendicolari alle labbra e pelle più secca e cedevole. Oltre che a nuocere alla salute, il fumo fa male anche alla pelle.

  Stampa