Impurità? Purifica la tua pelle!

Impurità? Purifica la tua pelle!

Lucida, unta, costellata di pori dilatati, punti neri e brufoletti. Sensibile a sbalzi di umore, termici, alimentari e ormonali. non regge il trucco ed è molto esigente in fatto di cosmetici: è la pelle impura.

Non è un ritratto particolarmente incoraggiante, quello della pelle impura. Ma fortunatamente non è così difficile da contrastare. L’importante è fare le mosse giuste.

Quali prodotti scegliere?

Quelli più adatti a questo tipo di pelle sono a base di ingredienti normalizzanti e seboregolatori. Tali azioni sono svolte egregiamente da alcuni particolari principi attivi che, non a caso, sono tra i più utilizzati nella formulazione dei cosmetici destinati alla pelle impura. Uno di questi è l’acido lattico, efficace sia nel favorire l’esfoliazione della pelle, liberarando i follicoli, sia nel controllare lo sviluppo del propionebacterium acnes, il germe responsabile delle manifestazioni acneiche. Penetrando all’interno del follicolo, questa sostanza riesce ad agire direttamente sulla produzione di sebo, regolandola.

Altro principio attivo determinante nella lotta contro la pelle impura è l’acido salicilico, che assorbe il sebo in eccesso e agisce come un leggero peeling, migliorando l’ossigenazione della pelle. Vi sono poi gli anfotensidi, aminoacidi ad alto peso molecolare dall’elevato valore disinfettante, in grado di “ripulire” l’epidermide e liberarla dalle cellule morte.

In creme e preparati per la pelle grassa si può trovare anche la camomilla (o Bisabololo). Sono note le sue peculiarità calmanti e lenitive: a queste vanno aggiunte caratteristiche depurative e purificanti. Efficace è infine il pantenolo: conosciuto anche come acido pentotenico, o semplicemente vitamina B5, favorisce la rigenerazione dell’epidermide e calma le irritazioni.

Il kit anti-pelle impura

Puoi tenere sotto controllo le impurità cutanee trattando quotidianamente l’epidermide con prodotti ad hoc:

  • Un detergente specifico, che pulisca a fondo la pelle e normalizzi la produzione di sebo. Detergenti troppo aggressivi come i saponi tradizionali seccano la pelle e stimolano le ghiandole sebacee a lavorare di più;
  • Un tonico per pelli impure, che svolga un’attività astringente chiudendo i pori e limitando l’effetto lucido;
  • Una crema gel idratante specifica contro le imperfezioni, per riequilibrare e opacizzare la pelle, idratando (ma non nutrendo) al tempo stesso;
  • Uno scrub per un’esfoliazione regolare della pelle, in grado di rimuovere le impurità e pulire a fondo anche i pori più dilatati.

Il loro impiego giornaliero può darti un aiuto effettivo contro le tipiche manifestazioni della pelle impura.

DermoPURIFYERContro le impurità Eucerin ti offre tutto quello che ti serve! La Linea DermoPURIFYER è composta da una gamma di prodotti per le esigenze quotidiane della pelle impura e tendente all’acne.

Per la detersione scegli DermoPURIFYER Detergente, per rimuovere delicatamente lo sporco e il trucco. Procedi con il Tonico, per purificare la pelle e ridonarle freschezza e luminosità.

E per il peeling settimanale usa lo Scrub DermoPURIFYER: le perle di acido lattico agiscono esfoliando e riducendo punti neri e brufoli. Scopri tutti i dettagli della Linea DermoPURIFYER.

La camomilla veniva chiamata dagli antichi Greci mela della terra per il suo profumo; gli inglesi la consideravano una delle nove erbe medicinali sacre donate al mondo dal Dio Odino. Ancora oggi, l’infuso ottenuto dai suoi fiori secchi è usatissimo sia nella medicina sia nella cosmesi.

Calmante, analgesica e antispastica, la camomilla è ideale contro il nervosismo, i problemi digestivi, intestinali e ginecologici, oltre che dermatologici. I principi attivi di quest’erba esplicano le loro azioni anche in caso di inalazioni, aiutando perciò nella cura delle infiammazioni alle vie respiratorie.

Vitamina della pelle o della bellezza: questo l’altro nome del pantenolo, presente in natura nel lievito di birra, nella farina di soia, nel tuorlo d’uovo, nella crusca di riso, nelle arachidi, nel cavolo fresco e in numerosi altri alimenti. L’etimologia greca del nome, unione tra pan “tutto” e thena “luogo”, sta a indicare che tale sostanza è presente un po’ ovunque, nel mondo naturale e in quello vegetale.

Oltre agli impieghi cosmetici, il pantenolo guarisce le lesioni delle mucose (come gengiviti, stomatiti e infiammazioni dentarie), calma le irritazioni, previene la fragilità delle unghie e dei capelli e ne rafforza la crescita e la struttura.

  Stampa