Il deodorante giusto

Il deodorante giusto

Scegliere il deodorante giusto non è cosa da poco: oltre a prevenire e agire efficacemente sulla sudorazione e i conseguenti cattivi odori, deve essere compatibile con il personale tipo dermatologico e non irritare. Cosa ne dice l’esperto?  

Per sentirsi a proprio agio e profumata per tutto il giorno è necessario scegliere il deodorante adatto. Ma cosa accade quando la temperatura corporea aumenta e il corpo suda? Quali sono le ghiandole coinvolte?

La sudorazione è un processo fisiologico che il corpo adotta per regolare l’equilibrio idroelettrolitico (la presenza di sali ed acqua nel corpo) e la temperatura che deve essere mantenuta costante intorno ai 37°C con minime variazioni. Maggiore è la temperatura oppure la produzione di calore endogena e maggiore è la tendenza all’evaporazione del sudore prodotto dalla superficie della pelle. L’evaporazione del sudore è una reazione detta passaggio di stato che sottrae calore al corpo.

Il sudore è prodotto da numerose (quasi tre milioni) ghiandole presenti con differente densità nella pelle di tutto il corpo e costituisce un elemento fondamentale del film idrolipidico che è una sottile ma fondamentale prima linea di difesa del mantello cutaneo.

Le ghiandole sudoripare sono di due tipi:

Le ghiandole apocrine non partecipano alla termoregolazione e sono maggiormente responsabili dell’odore della sudorazione che nell’uomo è solo un residuo evolutivo (più o meno rappresentato) mentre in molti animali è un fondamentale strumento di tipo comunicativo riguardante informazioni relazionali quali l’armamentario genetico dell’individuo, il suo stato ormonale sessuale e il suo stato emotivo.

Le ghiandole eccrine invece hanno funzione termoregolatrice sono presenti su tutta la superficie corporea con maggiore densità a livello dei palmi degli arti, ascelle e fronte, mentre le apocrine sono prevalentemente presenti a livello ascellare.

Normalmente i deodoranti in commercio si distinguono in coprenti e assorbenti. Inoltre, si parla di deodoranti antienzimatici e antimicrobici. Queste distinzioni sono corrette?
E quali sono le differenze?

Queste distinzioni sono corrette ma spieghiamo brevemente questi termini:

Coprenti: deodoranti che hanno la  funzione di coprire gli odori purtroppo senza poterli cancellare del tutto. Queste sostanze hanno in genere una durata limitata ma associate ad atre possono migliorare la propria persistenza.

Assorbenti: deodoranti che hanno la capacità di assorbire le sostanze volatili del sudore contenendo i cattivi odori.

Antienzimatici: deodoranti che agiscono bloccando gli enzimi batterici che favoriscono quelle reazioni degradative che sono in buona parte responsabili dei odori cattivi.

Antibatterici: deodoranti con la proprietà di eliminare l’eccesso della proliferazione batterica che è anche responsabile dell’odore sgradevole della sudorazione.

Le pelli più sensibili, se trattate con il deodorante sbagliato, possono accusare intolleranze e irritazioni. Quali sono le considerazioni da fare prima di acquistare un prodotto?

La scelta del deodorante dovrebbe tenere conto della specificità della pelle e delle caratteristiche della sudorazione, in particolar modo gli individui con pelle sensibile dovrebbero orientare la propria scelta verso un deodorante privo di alcool ed anche di fragranze (che possono essere spesso irritanti oltre che allergizzanti), la scelta andrebbe quindi orientata verso prodotti di provata tollerabilità sottoposti a studi clinici che ne dimostrano l’efficacia. Un consiglio valido per tutti ma in particolare per i soggetti con pelle sensibile: si cerchi di favorire a contatto con la pelle indumenti con tessuti traspiranti e non ostruenti i principi evaporativi.

In crema, roll-on o spray: tipologie differenti per esigenze diverse …

I prodotti in crema si caratterizzano per una lunga durata d’azione, e la notevole delicatezza del prodotto; sono particolarmente adatti a soggetti con sudorazione abbondante e l’esigenza di una copertura a odori sgradevoli ci sono prodotti adatti anche alla pelle sensibile ed irritata come la cute appena depilata. Si applicano con le mani il che può essere meno pratico e creare il rischio di applicazioni non omogenee.

I prodotti con applicatore roll-on sono molto pratici e delicati nell’applicazione, il prodotto è liquido e si applica agevolmente grazie all’applicatore sferico che distribuisce con uniformità il prodotto sulla superficie della pelle.

I prodotti in spray presentano grande comodità di applicazione, per la rapidità e la semplicità nell’ottenere una certa omogeneità sulla pelle inoltre donano una sensazione di freschezza molto apprezzata da molti individui in particolar modo nei mesi estivi.

Dr.Pierluca D'Addetta
Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica
Il Dr. Pierluca D’addetta si occupa di Medicina e Chirurgia Estetica e Medicina del Benessere a Milano

 

  

  Stampa