In caso di... scottature e ustioni

In caso di... scottature e ustioni

Cosa succede quando ci scottiamo? Come correre ai ripari? E soprattutto, come evitare di ustionarsi? Trova le risposte nell'approfondimento dermatologico.

 

Che cosa succede quando ci scottiamo?
Il termine medico che definisce la scottatura da raggi solari è eritema attinico. Si manifesta alcune ore dopo un’intensa esposizione al sole non accompagnata dalle dovute precauzioni: i sintomi sono arrossamento della pelle con frequente comparsa di bolle. Se toccata, l’epidermide duole e possono sopraggiungere cefalea, febbre alta e malesseri generali come vomito, dissenteria e brividi. I maggiori responsabili dell’eritema attinico sono i raggi UVB; non è chiaro come insorga, ma pare che, a livello dell’epidermide, vengano liberati dei mediatori dell’infiammazione (prostaglandine).

Esistono diversi gradi di scottatura?
La scottatura può essere più o meno intensa. Questo dipende dal fototipo del soggetto interessato e dall’efficacia delle sue difese fotoprotettive naturali quali la melanina o antiossidanti endogeni.

Come evitare di ustionarsi?
Bisogna esporsi al sole con un’adeguata fotoprotezione, scelta in base al proprio fototipo. Vanno evitate le ore più calde ed è sempre bene indossare un cappello e degli occhiali da sole con lenti adatte. In più, è opportuno bere molta acqua.

Quali sono i prodotti per trattare una scottatura?
Nell’immediato, sono indicati impacchi freddi con acqua borica per raffreddare e lenire la parte lesa. In alternativa si può utilizzare acqua fredda corrente. È bene, inoltre, reidratare l’organismo bevendo molto per compensare la perdita dei liquidi dovuta alla scottatura. Solo in un secondo tempo vanno applicate creme emollienti e idratanti. Se l’ustione è particolarmente intensa e dolorosa, si consiglia di consultare un medico per valutare l’applicazione di creme cortisoniche o l’assunzione di analgesici. In caso le bolle si rompano facendo affiorare la cute sottostante, può essere necessaria una crema antibiotica che eviti sovrainfezioni. Ovviamente, è necessario non esporsi di nuovo al sole finché la scottatura non sia risolta.

Dr.Pierluca D'Addetta
Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica
Il Dr. Pierluca D’addetta si occupa di Medicina e Chirurgia Estetica e Medicina del Benessere a Milano


  Stampa